Home / Visita il Parco / Escursioni / Dondena - Col de la Balma

Dondena - Col de la Balma

Dondena - Col de la Balma

L'itinerario attraversa un tipico ambiente di alta montagna e offre l'occasione di incontrare alcuni degli animali più interessanti della fauna alpina quali il camoscio, la pernice bianca o la coturnice e di ammirare lo spettacolo offerto dai fiori di alta montagna .

Difficoltà: EE
Dislivello in salita: m 840
Tempo di salita: 3 ore
Luogo di partenza: Dondena
Segnavia: 7

Itinerario:
Lasciata l'auto a Dondena, si attraversa il ponte sul torrente Ayasse e si sale verso l'omonimo rifugio lungo la strada poderale (20', m 2185, ). Da qui si prosegue per un tratto lungo la strada sterrata che porta al vallone del Pendent, in direzione sud fino a incontrare un sentiero sulla propria destra (segnavia 7). Questo sale ripido sotto una bastionata rocciosa e poi prosegue tagliando a mezzacosta i pendii del mon Dondena e del Mon Rascias, fino ad arrivare alla splendida conca del Miserin (1h 40', m 2576). Nei pressi del lago è presente un rifugio aperto nella stagione estiva e il santuario, meta della tradizionale processione della madonna delle nevi il 5 di agosto. In alternativa, per raggiungere il lago, è anche possibile percorrere la strada sterrata indicata con il segnavia dell'Alta Via n 2. Seguendo il sentiero che costeggia il lago si arriva a una zona umida pianeggiante. Evitando di attraversare il torrente emissario ci si porta in fondo al pianoro e si imbocca il sentiero che, dopo un primo tratto più ripido, sale dolcemente attraverso una serie di dossi detritici. In questo ambiente è possibile ammirare splendidi esemplari di flora di alta montagna che trovano un terreno ideale sui depositi di calcescisti che affiorano nell'alto vallone di Dondena . Dopo il piccolo lac Gelé si supera una zona di rocce montonate (zona degli scisti blu ) e si incontrano alcuni piccoli specchi d'acqua e dei nevai residui. Qui termina la segnaletica orizzontale.Il colle della Balma si trova alla destra orografica della valle tra il punta di Peradza e la Punta del Lac Gelé. Si percorre una zona di pietraia tenendosi alla propria destra e poi con una diagonale si raggiunge il colle..

Per ridurre al minimo il disturbo alla fauna si raccomanda di non uscire dai sentieri segnalati e tenere i cani al guinzaglio.